Il Centro TIAMA é un servizio de


Psicodiagnosi individuale - Area adulti
Isolamento, stigmatizzazione, alienazione, vergogna, anestesia dei sentimenti, difficoltà nelle relazioni: queste e altre possono essere le conseguenze dei traumi subiti. Molti diversi sintomi possono essere l’espressione di quel malessere di fondo: ansia, depressione, attacchi di panico, disturbi del comportamento alimentare, impulsività, problemi nell’area della sessualità, somatizzazioni e altri ancora. Spesso importanti fallimenti nello studio, nel lavoro, nelle relazioni fondamentali sembrano trasformare la vita in una ‘strada senza uscita’, in cui ogni sforzo positivo sembra non produrre i risultati sperati. Talvolta ricorrere a pericolosi ‘anestetici hard’ (alcool, droghe, promiscuità sessuale, gioco, rituali) sembra un illusorio sollievo.
A volte non è facile riconoscere in quei segnali di malessere la scia irrisolta di eventi negativi importanti e/o cronici del passato: eventi da cui si è voluto prendere distanza, di cui si è voluto ridurre la portata, che si crede perfino di aver dimenticato. Talvolta le vittime riescono a trovare anche per lunghi periodi un equilibrio accettabile: ma può accadere qualcosa, spesso non prevedibile, che risveglia sofferenze che si credevano spente. Paradossalmente, è proprio quello il momento giusto per riprendere coraggiosamente in mano se stessi e ‘vedere da vicino’, per integrare e archiviare dentro di sé le proprie esperienze negative affinché non siano più una minaccia latente del benessere psicologico.
Ecco perché una valutazione psicodiagnostica competente e mirata può essere il primo, fondamentale passo per consentire il riconoscimento in sé di funzionamenti psicologici post- traumatici e quindi la presa di contatto con il ricordo del proprio passato di maltrattamenti e abuso. Particolarmente cruciale è l'emergere in età adulta di ricordi di abusi sessuali subiti nell'infanzia.
Nel tempo abbiamo sviluppato un modello di valutazione complessivo e specifico, organizzato in tre livelli di approfondimento. Ciascun livello è poi articolato su due aree di osservazione: l’area dei comportamenti manifesti e l’area dei vissuti interni.
Vengono utilizzati strumenti riconosciuti dalla comunità scientifica, mirati alla rilevazione dei funzionamenti post traumatici in diversi ambiti di vita.
Tutti questi elementi riescono a rendere la valutazione psicologica un momento di autoconoscenza fondata e precisa, cognitivamente ed emotivamente coinvolgente e comprensibile.
Il percorso diagnostico comporta da 4 a 6 sedute, comprensive di un primo contatto per la raccolta iniziale delle informazioni, due sedute per la somministrazione dei test. proiettivi, una seduta per la discussione degli strumenti affidati alla compilazione del paziente (questionari  per la rilevazione e valutazione di comportamenti e sintomi, autobiografia, genogramma), una o più sedute per la discussione complessiva dei risultati.
Se richiesta, si rilascia una relazione sul percorso effettuato e sul suo esito, nonché sulle indicazioni prognostiche e terapeutiche.